Santuario N.S. Montallegro

Ingresso solenne del nuovo Rettore

INGRESSO SOLENNE AL SANTUARIO DEL NUOVO RETTORE

Don Gianluca Trovato da domenica 14 gennaio 2018 è il nuovo Rettore e Custode del Santuario di N.S. di Montallegro. Prende il posto di don Salvatore Orani che per tredici anni  è stato Rettore al Santuario più amato dai rapallesi ma anche dai fedeli  della Fontanabuona, dai pellegrini e dai turisti del Tigullio.  Sul sagrato, accanto a lui, erano presenti il Vescovo Diocesano  Mons. Alberto Tanasini, il Presidente del Consiglio Comunale Mentore Campodonico nelle veci di Carlo Bagnasco sindaco di Rapallo, la città  che porta il segno di Maria nel suo stemma, le autorità civili e militari.  Hanno  accolto festosamente   Don Gianluca emozionato e felice al suo ingresso al Santuario, i  volontari del Santuario, i sestieri, i gonfaloni delle due pubbliche assistenze di Rapallo: la Croce Bianca Rapallese e i volontari del soccorso di S. Anna, le Associazioni, gli ex parrocchiani e centinaia di persone accorse per dare il benvenuto al nuovo Retttore.

Dopo le procedure per la nomina a Rettore, Custode e amministratore del Santuario, Don Gianluca ha rinnovato le promesse  sacerdotali e benedetto i fedeli.

Nella Celebrazione Eucaristica, il Vescovo Alberto nella Sua  toccante omelia  ha richiamato come si rinnova il  ministero della vocazione ogni volta che il Signore chiama e affida un compito:  “Stare al Santuario è stare qui per abitare, per stare con il Signore nel silenzio di raccoglimento a tu per tu con Maria  per ritrovare il Signore Gesù nella pace”.

Nel discorso finale rivolto ai fedeli, il nuovo Rettore ha esordito affermando che a Montallegro si sente a casa della mamma.

Di seguito il discorso integrale di Don Gianluca Trovato:

“ Vorrei avere la fame appassionata di Simone, per mendicare da voi uno sguardo di tenerezza e anche un nome nuovo  resistente come la pietra, affidabile come chi dice “Rettore”; un nome che restituisce una lieta certezza: che se il Signore non costruisce  le cose, invano lavorano i costruttori.

Vorrei avere il cuore semplice e gli occhi profondi per dire a tutti, ma proprio tutti “Eureka”: è proprio lui

Vorrei avere la memoria innamorata di Giovanni discepolo amato, per ricordare tutto, anche quei dettagli inutili che poi sono i più necessari.

Vorrei aver l’autorevolezza della castità del Battista per incontrare discepoli e amici, pellegrini e turisti e portarli oltre me senza legarli a me e legarli a Lui e a Lei  che qui vuole essere onorata.

Ma soprattutto vorrei avere te,  mio Gesù che hai fatto di Simone, di Andrea, del discepolo amato, del Battista, di Maria Santissima, dei veri capolavori.

So che tu ci sei sempre, Gesù, e allora alla fine  vorrei semplicemente che tu avessi me.”

Al termine della Celebrazione, tutti i presenti  sono stati invitati a partecipare ad un bel momento di convivialità preparato dai volontari  nel salone sottostante al Santuario.

Benvenuto Don Gianluca! Ti vogliamo già bene e preghiamo per te!

SANTUARIO N.S. MONTALLEGRO Via al Santuario, 24 16035 Rapallo (GE)
Tel. 0185 239000   info@santuarionsmontallegro.com

© Propriet√† letteraria e artistica del Santuario di N.S. di Montallegro.
E' vietata la riproduzione anche parziale con qualsiasi mezzo effettuata.